FANO

bottone_fano

 

FANO, città costiera di origini molto antiche, rinomata stazione balneare proiettata con slancio verso l’industria e il terziario, cui si affiancano la pesca e l’orticoltura.

La maggior parte dei fanesi, il cui indice di vecchiaia è superiore alla media, risiede nel capoluogo comunale, adagiato in una vasta pianura compresa tra due strade statali; il resto della comunità si distribuisce invece nelle località di Bellocchi, Carignano, Cuccurano e Fenile, in un gran numero di piccolissimi aggregati urbani e in molte case sparse sui fondi.

piazza-xx-settembre

Il territorio comunale di Fano, classificato collinare, abbraccia due distinti arenili: l’uno, a ponente, con spiagge di fine sabbia dorata, e l’altro, a levante, formato da una distesa di ghiaia e sassi.

L’entroterra è caratterizzato invece dalla compresenza di un tipico paesaggio agrario, che domina soprattutto nella pianura alluvionale a ridosso del corso del fiume Metauro, e di insediamenti industriali, sorti lungo le grandi arterie di traffico.

Un po’ di economia a Fano…

Mentre l’agricoltura, specializzata nella produzione di ortaggi, si sta rapidamente contraendo a favore degli altri settori dell’economia, la pesca conserva un ruolo importante nella formazione del reddito.

Ottimi proventi derivano inoltre dall’industria, assai vivace nei comparti dei prodotti alimentari e tessili, del legno, della lavorazione dei metalli, della meccanica e della cantieristica ma soprattutto in quello della produzione di mobili.

lido-di-fano

Il terziario comprende una ricca rete di distribuzione, numerosi servizi privati e un apparato ricettivo e sportivo-ricreativo di imponenti proporzioni, nell’ambito del quale spiccano un moderno stabilimento termale e lo stadio calcistico Politeama Rossi.

Il comune di Fano, sede della Usl n. 3 e di pubblici uffici finanziari e giudiziari, ospita scuole per l’istruzione primaria e secondaria di primo grado e quasi tutti gli istituti d’istruzione secondaria di secondo grado; le strutture culturali annoverano alcuni musei, numerose biblioteche e una pinacoteca civica; l’assistenza socio-sanitaria è assicurata da un ospedale, dalla sede del distretto sanitario, da un poliambulatorio, da un Sert (Servizio Tossicodipendenze) e da alcune case di riposo.